Lavaggi Nasali? Niente panico, servono solo 3 cose!

Come vi ho già raccontato in un precedente articolo, la mia migliore amica ha partorito un mese e mezzo prima di me, e come ci diciamo spesso è stata la mia “preview” su tantissime cose, tra cui i lavaggi nasali.
La prima volta che ce li ha fatto vedere è andata più o meno così: “Spruzza la fisiologica nel naso, poi la tieni ferma (lei grida) e aspiri con tutta la forza che hai (lei si dimena)!!”
Insomma per due inesperti come me e mio marito, sapendo che da lì a poco sarebbe toccato anche a noi, siamo rimasti sotto shock per qualche secondo. Ci siamo guardati e ci siamo chiesti “chi di noi lo farà?“. Indovinate? Lo fa solitamente il mio coraggiosissimo marito, ma da qualche giorno (il piccolo ha il raffreddore) mi sto mettendo in gioco anche io. Quindi posso parlarne con più sicurezza! 

baby, crying, cry, lavaggi nasali, piange, grida

L’occorrente per i lavaggi nasali

Vediamo quali sono le cose che servono davvero:

Soluzione Fisiologica: serve per irrigare il nasino ed è composta da acqua e sale, è utile per liberarlo da muco e croste e prevenire raffreddori. Noi ci stiamo trovando bene con la linea Narhinel.

Aspiratore nasale: non lo uso sempre, ma quando sento che è proprio pieno di muco e fa fatica a respirare si. Diversamente può bastare l’irrigazione poiché mettendolo coricato su un fianco e sparando un pò di soluzione dalla narice più esterna, il liquido esce dall’altra.

Ricambi usa e getta per aspiratore: sono da cambiare spesso purtroppo perché si riempiono e non aspira più. Ora che ha il raffreddore ne stiamo usando anche 4/5 al dì.

Non abbiate paura quindi, con questi pochi strumenti potrete fare i lavaggi senza complicazioni.

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *